Vai al contenuto

Filiera corta, cortissima, a “km 0″

3 maggio 2010

La valorizzazione della filiera corta è una vecchia chimera buona solo per chi l’agricoltura non la conosce. Abbiamo avuto già modo di parlarne recentemente e non ci torneremmo sopra se ora non si parlasse sempre più insistentemente (sempre Coldiretti e Slow Food, strano…) della filiera cortissima, a “Km 0″. In questo caso si sostiene che l’acquisto dei prodotti direttamente presso le aziende agricole aiuterebbe i bilanci degli agricoltori e diminuirebbe sensibilmente le emissioni di CO2 legate al ciclo di trasformazione e distribuzione.

Ovviamente è una cazzata, come ha fatto notare tempo fa Dario Bressanini: la strada che fa la pappa per arrivare alle nostre bocche è la stessa, e le emissioni di tante autovetture che vagano per le campagne per fare la spesa sarebbero sicuramente maggiori di quelle dei mezzi, più efficienti, della grande distribuzione che tende a concentrare le derrate in pochi punti facilmente raggiungibili da tutti.

Ancora nessun commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 128 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: