Skip to content

Le aperture sugli Ogm evidenziano le contraddizioni della Pac

4 marzo 2010

Chicago Blog – 04/03/2010

Prima c’è stata la sentenza del Consiglio di Stato che ha ammesso la coltivazione delle varietà geneticamente modificate iscritte al catalogo comune europeo, poi la notizia dell’iscrizione allo stesso catalogo di una varietà di patata destinata all’uso non alimentare. A giudicare dalla canea di reazioni suscitate da entrambe le notizie potremmo pensare di essere alla vigilia di una vera e propria rivoluzione del settore agroalimentare. In realtà sono solo timidi passi che non scardinano i presupposti su cui si basa la Politica Agricola Comune, ma che ne evidenziano ulteriormente le contraddizioni.

In realtà l’unica varietà Gm della quale è consentita la coltivazione in Europa è il mais BT Monsanto, a cui oggi si aggiunge la patata della Basf. In paragone a ciò che succede nel resto del mondo, dove un agricoltore è libero di scegliere tra tutte le varietà Gm presenti sul mercato, è ben poca cosa, e chi in Europa (tralasciando per un momento il caso disperato dell’Italia) volesse vedere riconosciuto il suo diritto equivalente a poter coltivare grano o pomodori Gm deve aspettare il via libera di Bruxelles.

L’Unione Europea si arroga il diritto, assai poco naturale, di stabilire ciò che è giusto o meno produrre, attraverso divieti (come nel caso degli Ogm, ma anche per quelle produzioni vincolate a “quote”, come vino e latte), oppure attraverso incentivi e sussidi legati in larga parte a vincoli sulle modalità produttive, come il sostegno all’agricoltura biologica o l’enorme quantità di stanziamenti che attraverso i fondi strutturali e i Piani di Sviluppo Rurale delle regioni finanziano le produzioni “di qualità”.

Sono in molti ad avvantaggiarsi di questa situazione: l’industria agroalimentare, che in un mercato drogato dai sussidi si trova spesso a comprare materie prime a prezzo di costo, e la rappresentanza politica e sindacale, che svolge il ruolo (ormai istituzionalizzato) di intermediazione tra agricoltori ed enti erogatori. C’è un bel vantaggio anche per la rendita fondiaria, dato che terreni che rendono poco sul mercato rendono però sussidi e contributi, e continuano ad avere quindi un valore elevato.

Gli agricoltori invece grazie alla Pac sopravvivono, ma rinunciano, in cambio della sussistenza, a sviluppare le loro aziende in libertà. E il costo dell’agricoltura sussidiata, vincolata e certificata ricade quasi per intero sulle spalle dei contribuenti.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: