Skip to content

Storie di piccoli boicottaggi

25 maggio 2010

Questa storia era stata raccontata da Yedioth Ahronoth e ripresa da Giulio Meotti sul suo blog. Un’associazione pacifista inglese gestisce un sito (del quale non ho alcuna voglia di pubblicizzare il link) che si prefigge l’obbiettivo di boicottare i prodotti israeliani, fornendo una lista lunga e dettagliata di tutte le imprese in qualche modo collegate con gli insediamenti. Per facilitare il lavoro dei boicottatori, o di chissà chi altro, il sito aggiungeva all’elenco anche il nome e il cognome dei titolari, e il loro indirizzo.

Tra questi figurava anche il nome della signora Noa Alon, maestra d’asilo e titolare di un impianto di trasformazione alimentare in Cisgiordania, almeno fino a che qualcuno ha fatto presente ai gestori del sito che Noa non poteva più occuparsi di prodotti agricoli, poiché nel giugno 2002 era stata uccisa a Gerusalemme insieme alla nipotina Gal Eisemann, di 5 anni, e altre 5 persone, nell’attentato suicida della fermata dell’autobus di French Hill.

Chissà se alla Coop e alla Conad hanno mai sentito parlare di loro…

Annunci
One Comment leave one →
  1. barbara girardon-crespi permalink
    25 maggio 2010 11:50

    Quanto si puo essere stupidi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: