Skip to content

“For God’s sake, please stop the aid!”

31 maggio 2010

Ritornando sul tema degli aiuti all’Africa, segnalo quest’interessante intervista che il giovane economista del Kenya James Shikwati ha rilasciato a Der Spiegel nel 2005, proprio in occasione del vertice di Gleneagles. Anche Shikwati sostiene senza mezzi termini che gli aiuti sono una calamità per l’Africa. Per esempio, a proposito delle nostre eccedenze agricole che intossicano il mercato locale:

… and at some point, this corn ends up in the harbor of Mombasa. A portion of the corn often goes directly into the hands of unsrupulous politicians who then pass it on to their own tribe to boost their next election campaign. Another portion of the shipment ends up on the black market where the corn is dumped at extremely low prices. Local farmers may as well put down their hoes right away; no one can compete with the UN’s World Food Program. And because the farmers go under in the face of this pressure, Kenya would have no reserves to draw on if there actually were a famine next year. It’s a simple but fatal cycle.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: