Skip to content

La settima proposta

21 giugno 2010

Mentre le sei proposte di liberalizzazione presentate da Bersani, tra le cose più interessanti viste in questa legislatura, venivano accolte nel centrosinistra con l’indifferenza con cui si accoglie un ordine del giorno circoscrizionale sulla segnaletica stradale, oggi finalmente tanto il popolo che i leader del PD ritrovano entusiasmo e voglia di accapigliarsi come comari attorno alla proposta di rimuovere la parola “compagno” dal vocabolario del partito.

Sull’argomento, che lascia in queste ore gli italiani col fiato sospeso, registriamo il commento di Ivan Scalfarotto, più che sensato:

A me pare che dalle nostre parti si sia sempre molto lesti a cambiare le etichette e pochissimo a cambiare la sostanza. In altri paesi i partiti cambiano radicalmente linee politiche e classi dirigenti senza cambiare nome o titoli, qui da noi abbiamo dirigenti che sono in prima fila da decenni avendo gestito PCI, PDS, DS, Margherita, Partito Popolare e Asinelli senza grandi imbarazzi. Il Partito Democratico americano (fondato nel 1792) tira fuori Obama e i Tories (1834) si inventano Cameron. Da noi c’è D’Alema che era a Cuba coi pionieri e Marini faceva il segretario di federazione della CISL quando io ero ancora nella nursery della maternità.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: