Skip to content

Venticinque anni di lavoro persi in un minuto…

19 novembre 2010

…E circa dieci giorni perché la politica e l’informazione se ne accorgessero. La catastrofe veneta è riuscita, più di ogni altra cosa, a rendere l’idea del baratro sempre più largo e profondo che separa il paese reale da quello rappresentato, sia quello rappresentato nelle istituzioni che quello rappresentato e raccontato dai media.

L’alluvione ha colpito complessivamente 131 Comuni, coinvolgendo una popolazione di oltre 500 mila abitanti. Ha provocato 2 vittime, mentre gli sfollati sono stati 6.670. I Comuni gravemente danneggiati sono stati 86, l’A4 è rimasta chiusa quattro giorni, mentre sono rimaste bloccate 55 strade principali. Le frane e gli smottamenti sono stati 51, 15 le rotture di argini, le esondazioni e gli allagamenti 29 su una superficie complessiva di 140 km quadrati. Gli animali da allevamento annegati sono stati circa 230 mila. Sono stati evacuati l’Ospedale di Motta di Livenza ed altre due strutture sociosanitarie.

Ogni euro speso in questi giorni per cose diverse dal soccorso e la ricostruzione ci sembrerebbero, a naso, soldi spesi male. Ma il volume realizzato dalla Regione Veneto, nella sequenza di immagini e nella crudezza delle cifre, forse può essere un modo utile per attirare attenzione, restituire senso delle proporzioni e sollecitare azioni concrete. E’ disponibile in versione istant book, sfogliabile o flash sul sito della Regione Veneto.

Annunci
2 commenti leave one →
  1. qam permalink
    28 novembre 2010 15:07

    E mo’ arrivo io.

    premetto che non conosco i particolari dell’alluvione, però mi faccio alcune domande.

    La catastrofe avvenuta è stata causata :

    A) evento imprevedibile causato da piogge torrenziale al di là di ogni possibile previsione.
    B) incuria del sistema idrogeologico.

    Perché se è B) allora il titolo del post deve essere:

    Venticinque anni di lavoro persi in venticinque anni…

  2. 28 novembre 2010 19:21

    @qam
    In genere disastri di questo genere avvengono per l’improvvisa “collaborazione” tra le cause A) e B). Per quanto riguarda B), nonostante non sia veneto e conosca solo marginalmente quella realtà, ho provato a dire la mia in un precedente post: https://lavalledelsiele.com/2010/11/09/alluvioni-regole-e-chiacchiere/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: