Skip to content

La fiera del catastrofismo zootecnico – settima parte: le emissioni della filiera agroalimentare

20 dicembre 2010

I due studiosi del World Watch Institute stimano a spanne le emissioni dei consumi energetici della filiera agroalimentare delle proteine animali compreso la produzione di alghe per mangimi, e i consumi dell’itticoltura. Ma non fanno il confronto scientifico correttamente come già descritto, fanno invece il conteggio di tutte le emissioni senza confrontare la filiera di una dieta alternativa che potrebbe essere diversa di poco in equipollenza proteica. Si limitano a fare conclusioni approssimative e molto discutibili sul fatto che i cibi a base di proteine animali, rispetto a una dieta in equivalenza calorica necessitano di molte operazioni che richiedono energia e che andrò a citare una ad una.

Alle diete con prodotti di origine animale secondo il rapporto servono:

più energia per produrre mangimi e foraggi

Questo però dipende sempre dal tipo di confronto, in equivalenza calorica serve sicuramente più energia, ma anche la filiera della pasta o del riso è lunga: sintetizzare concimi minerali, arare, erpicare, seminare, diserbare, trebbiare, stoccare, macinare, impastare, essiccare, imballare, trasportare e cuocere, comporta grandi consumi energetici e quindi emissioni.

Citano il seitan che è ottimo, ma secondo me non sanno di cosa parlano, perché ci vogliono 10 kg di grano per fare 1 kg di seitan in ss, mentre con 10 kg di mangime faccio 3 kg di pollo, il seitan in confronto è un spreco.

una cottura più lunga e più intensa

non mi risulta affatto, anzi latte uova, carne e salumi si possono mangiare crudi (o stagionati) mentre piselli, fagioli patate, pane, pasta e riso, no, anzi le proteine vegetali crude sono indigeribili o addirittura tossiche come la soia.

un maggior raffreddamento

come se frutta e verdure, tofu e seitan, non venissero refrigerati e surgelati (piselli, minestroni, spinaci ecc) tra l’altro citano i CFC che sono gas refrigeranti ritenuti responsabili della deplezione dell’ozono stratosferico ma che sono vietati dal protocollo di Montreal del 1987 e che sono calati in atmosfera di almeno un fattore 4.

più imballaggi

come se: i legumi non fossero in lattina, i succhi di frutta e il latte di soia nel tetrapak come il latte vaccino, molte verdure confezionate nelle vaschette come la carne, il tofu e il seitan non fossero confezionati come i salumi e i formaggi.

più energia per smaltire i sotto prodotti pelli, piume, lana, e effluenti

ma queste sono risorse non costi, anzi vanno conteggiate nel fare i confronti perché sono da sostituire. Nell’articolo non c’è alcun cenno alla possibilità di concimare con concimi rinnovabili, cioè ottenuti dagli effluenti urbani e zootecnici e da tutti i rifiuti organici urbani, zootecnici e industriali, previa recupero dell’energia residua che è anche un modo per sanificarli e stabilizzarli (biogas o gassificazione).

Continua…

Le puntate precedenti:

La fiera del catastrofismo zootecnico – prima parte: le equivalenze

La fiera del catastrofismo zootecnico – seconda parte

La fiera del catastrofismo zootecnico – terza parte: il metano

La fiera del catastrofismo zootecnico – quarta parte: CO2 e N2O

La fiera del catastrofismo zootecnico – quinta parte: la respirazione animale

La fiera del catastrofismo zootecnico – sesta parte: la deforestazione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: