Skip to content

Il mito del seme (no-OGM) fatto in casa

5 gennaio 2011

Qualche tempo fa avevamo iniziato a chiederci il perchè gli agricoltori dei paesi “sviluppati” tendano a riacquistare di anno in anno la semente (poco importa che sia geneticamente modificata o meno).

Se volete rinfrescarvi la memoria potete ridare un’occhiata al post qui.

In sintesi comunque avevamo preso in rassegna le motivazioni “gestionali” che inducono (NON costringono) gli agricoltori al riacquisto. Oggi invece vorremmo analizzare quella che forse è la motivazione più importante, decisiva, se volete, per la loro scelta, ovvero: il progresso genetico.

Il progresso genetico è in effetti uno degli aspetti più importanti, se non il più rilevante non solo per l’agricoltore, ma anche per l’ambiente. Inoltre possiede un suo indiscutibile fascino, almeno per dei ricercatori come noi. Si entra infattti, con il miglioramento genetico, nell’essenza stessa della pratica agricola, ovvero in quel costante processo di co-evoluzione degli esseri viventi avvenuto come risposta alla “pressione selettiva” dell’uomo che, per rispondere ai propri bisogni ha plasmato, più o meno consapevolmente, il mondo dei viventi.

Continua a leggere su BBB…

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: