Skip to content

La PAC è stata la peggiore politica agricola del XX secolo? IV – I costi sociali

11 febbraio 2011

Secondo gli standard dell’OCSE, le variazioni del costo della politica agricola per il consumatore possono essere misurate con il cosiddetto CSE (Consumer Surplus Estimate), che, nella seguente tabella, è presentato in rapporto al PIL.

1984-1986 2004-2006
Australia -0.17 -0.02
Canada -0.68 -0.27
European Union -1.79 -0.43
Iceland -2.31 -0.58
Japan -2.50 -1.16
Korea -8.05 -3.30
Mexico -1.77 -0.38
New Zealand -0.19 -0.05
Norway -1.53 -0.51
Switzerland -2.92 -0.97
Turkey -2.82 -2.13
USA -0.06 0.16
OECD -1.35 -0.38

Il CSE esclude i costi direttamente sostenuti dai contribuenti, come le sovvenzioni dirette (ad esempio, per il set aside) o di altre spese produttive (il GSSE). Così, deve necessariamente differire sia dal PSE che dal TSE. Infatti, il rapporto CSE/PIL negli Stati Uniti è positivo perché il consumo agricolo è stata sovvenzionato attraverso il programma di buoni pasto. I dati confermano la posizione in classifica dell’UE (sesto “peggiore” tra il 1984 e il 1986, il settimo nel periodo 2004-2006) e il suo tentativo di spostare il peso della politica agricola dalla popolazione in generale (i consumatori) alla popolazione in generale, (i contribuenti).

Come indicato nella prima sezione, una parte delle perdite dei consumatori è stata trasferita ai produttori, mentre la differenza è la perdita netta (il peso morto) per la società nel suo complesso. La prossima tabella[1] mostra nel dettaglio i risultati delle stime di tali perdite nel biennio 1980-1982 e nel 1986, entrambe espresse in miliardi di dollari del 1985.

Tyers and Anderson Roninger and Dixit
a) b) d) e) f) g) c) d) e) f) g)
EC-12 55.0 1.2 47.3 8.9 25 16.2 46.2 33.3 12.9 37 27.9
Japan 35.6 -6.0 20.6 9.0 75 25.3 33.4 22.6 10.8 52 32.3
USA 17.5 2.6 16.9 3.2 14 18.3 36.6 26.3 10.3 36 28.1

 

 

 

 

Entrambe le stime concordano su tre punti:

i) le politiche sono abbastanza efficienti (colonna g): hanno trasferito la maggior parte delle perdite dei consumatori nelle tasche dei produttori. Il peso morto riguarda “solo” un quarto (secondo Tyers & Anderson) o un terzo (secondo Roninger & Dixit) del totale.

ii) le perdite per abitante sono stati notevoli, ma non enormi: 37 dollari del 1985 corrispondono a circa 55 dollari del 2007. Tuttavia, queste perdite erano basse soprattutto perché le politiche sono state efficaci. Tyers e Anderson stimano un costo di 800 dollari del 1985 (circa 1.200 dollari nel 2007) per ogni famiglia non attiva nell’agricoltura nell’Unione europea.

iii) la PAC è stata più efficaciente rispetto alla politica agricola giapponese, ed efficiente quanto quella americana.

Le stime dell’ultima tabella non tengono conto degli effetti delle politiche agricole sui prezzi mondiali dei prodotti agricoli e sui prezzi nazionali di alcuni fattori (salari, tassi di interesse, e così via). La maggior parte delle politiche di sostegno all’agricoltura incrementa l’offerta mondiale, e quindi, in linea di principio, tende ad orientare al ribasso i prezzi mondiali. L’effetto è trascurabile se il paese è piccolo, ma può essere sostanziale, se il paese in questione determina una porzione significativa della produzione mondiale. Allo stesso modo, una politica di crescita indotta della produzione agricola è destinata ad aumentare i rendimenti di fattori intensamente utilizzati in agricoltura (in particolare i terreni), e a ridurre il rendimento dei fattori meno utilizzati nell’agricoltura moderna, come la manodopera non qualificata. Il bias nelle stime dipende dalla flessibilità dell’economia, e, ancora, della dimensione relativa del settore agricolo nel totale dell’economia. L’effetto delle politiche agricole può essere valutato più precisamente con i cosiddetti modelli CGE (Computable General Equilibrium). Questi modelli sono oggi molto usati nell’analisi economica, e sono stati spesso utilizzati per valutare gli effetti delle politiche agricole. Per esempio, Cline stima che, nel 1997, la liberalizzazione del commercio agricolo avrebbe determinato un aumento del reddito mondiale dello 0,5 per cento e il reddito dell’Unione europea dello 0,6 per cento[2]. Purtroppo, non ci sono stime analoghe per il 1980, quando le tecniche di calcolo del CGE erano al loro inizio[3]. Tuttavia, occorre considerare che, nel 1980, l’agricoltura era già un settore “piccolo” in tutti i paesi avanzati e, quindi, sembra improbabile che la sua crescita relativa potrebbe influenzare significativamente la domanda a livello economico per tutti i fattori, e quindi i loro prezzi. Il bias di un grande paese è potenzialmente più pesante: l’Unione europea a metà degli anni 1980 ha prodotto circa un terzo della produzione lorda agricola dei paesi OCSE. Tuttavia, la distorsione probabilmente non è stata tanto significativa da rendere inutilizzabili i risultati di un’analisi parziale.


[1] a) Consumer costs; b) Government costs; c) consumer and government costs (c=a+b); d) Gross Producer benefits; e) deadweight losses, total; f) deadweight losses, per capita; g) inefficiency ratio (e/a*100). Sources: Rod Tyers and Kym Anderson, Disarray in world food markets (Cambridge 1992) Table 6.5, and Roninger & Dixit, quoted by David Blandford, “The cost of agricultural protection and the difference free trade would make”, in: Fred H. Sanderson (ed.) Agricultural protectionism: resources for the future (Washington, DC 1990): 398-422.
[2] William R. Cline, Trade policy and global poverty Institute for international economics (Washington, DC 2004).
[3] Ali El-Agraa, The theory and measurement of international economic integration (Basingstoke 1989).

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: