Skip to content

Politica Agricola Comune: di male in peggio

26 maggio 2011

Chicago Blog – 26/05/2011

Ieri la commissione agricoltura del Parlamento Europeo ha approvato a larga maggioranza la proposta dell’europarlamentare tedesco Albert Dess, proposta che se sarà fatta propria dall’assemblea a giugno rappresenterà a pieno titolo la risposta dell’europarlamento alla bozza della Commissione pubblicata a novembre e sulla quale avevamo espresso giudizi non troppo lusinghieri. Quanto di più simile, salvo imprevisti, alla stesura definitiva della nuova PAC (o quanto meno dei suoi principi ispiratori). E pensare che quando era stata presentata, la proposta Dess aveva raccolto solo critiche, anche se le modalità e i tempi della sua presentazione (una proposta organica arrivata entro il tempo massimo a sparigliare giochi già fatti) lasciavano prevedere un esito del genere.

La mia personalissima impressione è che si vada di male in peggio. In particolari i punti “caldi” sono il tetto massimo ai sussidi e il condizionamento di parte degli aiuti diretti al rispetto di pratiche agricole ecosostenibili.

Per quanto riguarda il primo punto, al di là della facile demagogia sui sussidi PAC intascati dai Windsor e da altri reali europei, a me sembra che se è vero come è vero che uno dei limiti che rendono poco competitiva l’agricoltura europea rispetto a quella di altri continenti è l’eccessivo nanismo delle aziende agricole, istituire norme che scoraggiano la crescita e gli accorpamenti fondiari sia quantomeno poco lungimirante. Tenendo anche conto che le grandi rendite non avrebbero difficoltà a frazionare le loro proprietà, aggirando la norma e mantenendo così intatto il loro bottino, esattamente come è già successo negli USA.

In realtà, e non è un mistero, questa idea nasconde un problema di più difficile risoluzione: la necessità di riequilibrare i premi di ogni paese, che oggi sono molto sbilanciati dai 600 euro circa che mediamente riceve un ettaro di terra in Grecia, ai 300 che riceve in Italia fino ad arrivare ai 40 o giù di lì dei quali si devono accontentare in Romania (gli ultimi paesi ad entrare nell’UE sono quelli che ricevono meno dato che il premio è stato calcolato sulla base della media aritmetica dei premi che ogni azienda riceveva nel triennio 2000 – 2001 – 2002). Quindi la soluzione in cantiere sarebbe quella di sottrarre qualcosa ai più ricchi attraverso una norma “popolare” per riequilibrare il “monte premi” di ogni paese senza erodere troppo il consenso dei più numerosi piccoli agricoltori.

E infatti ciò che il documento approvato rimarca con maggior forza è che la cassa non si tocca, ovvero che il budget destinato all’agricoltura dovrà rimanere invariato.

Condizionare invece l’erogazione degli aiuti diretti o di parte di essi al rispetto di determinate pratiche agricole “green” (finore di queste cose si occupava soltanto il secondo ramo della PAC, quello degli aiuti allo sviluppo) è un’idea coerente con la progressiva statalizzazione del comparto agricolo europeo, condizionato prima di ogni altra cosa dalla paura di competere in un mercato, quello delle materie prime agricole, che oggi offre molte più opportunità di prima.

Pur di conservare lo status quo si preferisce indurre gli agricoltori a impoverire la capacità produttiva delle loro aziende raccogliendo tra i contribuenti le risorse per ripagarli dei nuovi passatempi che l’UE chiederà loro di svolgere.

Advertisements
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: