Skip to content

Il latte delle quote è sempre più opaco

17 gennaio 2012

Libertiamo – 17/12/2012

C’è una costante nella ormai pluridecennale querelle della multe per le quote latte ed è che non è dato capirci qualcosa. Passano i ministri, ultimamente ne abbiamo avuti ben quattro in poco più di un anno, tutti ripetono più o meno la stessa cosa, eppure siamo sempre lì. A non sapere nemmeno quanti sono quelli che ancora non hanno aderito alle rateizzazioni, se 1200 circa come dice il ministro, o molte migliaia in più, se si contano anche le multe degli anni ’90.

Eppure il neoministro Mario Catania non dovrebbe essere del tutto digiuno della materia, essendo stato un dirigente del ministero che ha avuto, durante tutta  la sua carriera, diverse occasioni per confrontarsi con il tema delle quote e della loro assegnazione. E’ un tecnico, e come tale sarebbe legittimo aspettarsi da lui un chiarimento definitivo, informazioni, dati certi. Facile a dirsi, meno a farsi, evidentemente. Pazientiamo.

Quel che invece suscita qualche perplessità in più è l’atteggiamento dell’Agea, il colosso di Stato che gestisce le erogazioni in agricoltura: abbiamo già parlato di come un’inchiesta dei carabinieri avesse sollevato tali e tanti dubbi sulla regolare assegnazione delle quote e sui numeri gonfiati delle anagrafi bovine da far sospettare che in realtà l’Italia, nel suo complesso, non avesse mai superato la quota assegnatale e che, di conseguenza, i pagamenti pretesi dagli allevatori non fossero in realtà dovuti. Sia di quelli che hanno già pagato, sia di quelli che si ostinano a non farlo.

Non è una cosa da poco, evidentemente: aver gonfiato ad arte il numero di capi presenti nelle anagrafi bovine, ma che non sono mai esistiti nelle stalle, potrebbe aver creato un giro di affari particolarmente lucroso sia sul latte che poteva venire certificato come italiano anche se di diversa origine, e come tale venduto anche nelle filiere del tipico dove l’origine della materia prima è vincolante, sia sulla stessa compravendita delle quote di produzione, che negli anni ’90 rappresentava un giro d’affari considerevole, anche e soprattutto per chi si trovava ad intermediare gli scambi. Una megatruffa, si ipotizza da più parti, andata avanti per decenni, con la complicità interessata di pezzi importanti della burocrazia pubblica e degli apparati sindacali.

Eppure siamo sempre qui, senza certezze, con l’indagine dei carabinieri da una parte e le risposte di segno contrario di Agea dall’altra, e con i sospetti che ogni dichiarazione e ogni cifra fornita sia funzionale ad una posizione politica precostituita piuttosto che alla ricostruzione della verità. Sembrava che Agea si fosse mossa, lo scorso autunno. Certo, si dirà, si era mossa solo dopo che la Lega aveva preteso le dimissioni di Dario Fruscio, l’ex presidente di Agea, e il commissariamento dell’ente, in virtù di un accordo politico tra la Lega stessa e l’allora ministro Romano (che non rimpiangiamo). E si potrebbe eccepire anche che il consulente incaricato di svolgere nuove indagini, definitive, da parte di Agea, sia proprio Marco Paolo Mantile, il tenente colonnello dei carabinieri (oggi in aspettativa come dirigente della regione Veneto – e anche su questo c’è lavoro per i dietrologi) che aveva firmato le risultanze dell’indagine che inchioderebbe la gestione delle anagrafi bovine e delle quote latte di fronte a gravi responsabilità.

Ma se da una parte c’è materia per sospetti, dall’altra c’è la certezza che Agea ora ha cambiato di nuovo atteggiamento, rifiutandosi di fornire a Mantile i dati di cui ha bisogno per svolgere il suo lavoro, stando a quanto denunciano alcuni parlamentari dell’IDV in una recente interrogazione parlamentare. E di qui di nuovo lo stallo, che sembra fatto apposta per poter fornire alle parti in causa nuove occasioni per accusarsi a vicenda, il tutto mentre molti allevatori hanno aderito alle rateizzazioni e stanno pagando multe pesantissime, altri potrebbero essere costretti a farlo a breve e sulla testa dei contribuenti italiani pende il rischio di nuove procedure di infrazione da parte dell’UE.

Un modo molto italiano di gestire la cosa. I fatti sono tali solo se si è prima chiarito a chi convenga che appaiano in un modo o in un altro, in cui all’approfondimento e all’indagine si preferisce sempre il brodo opaco in cui ogni cosa può essere ribaltata e in cui ogni accusa diventa legittima a seconda delle convenienze del momento. Però una cosa è certa: l’indagine dei carabinieri era piuttosto circostanziata e i fatti denunciati tanto gravi da giustificare verifiche approfondite con metodologie chiare e trasparenti. Quelle che si potrebbero fare se Agea non avesse tirato di nuovo il freno a mano.

Advertisements
2 commenti leave one →
  1. Pino D permalink
    18 gennaio 2012 10:48

    State seguendo una dietrologia che nasce semplicemente dagli ineterssi di un partito che in cambio della fiducia ha avuto la nebbia su tutta questa questione.
    I Carabinieri scrivono di sapere nome e cognome di chi produce senza avere le vacche, ma nessuno risulta in tal senso indagato, anzi gradirei che un tale pubblico ufficiale omertoso parli o venga condannato.
    Poi per dimostrare astrusamente sta teoria si inventano di considerare dei truffatori le migliori aziende italiane solo perchè hanno rese elevate per vacca.
    Al momento tutti i ricorsi sono stati rigettati salvo le quisquiglie sull’entità degli interessi, ma hanno disarmato equitalia per la riscossione con un danno enorme alla comunità.
    Dalla stessa relazione si evince dai dati AIA, (vacche controllate una ad una 1.363.556 vacche con 84.51 q.li media) che non solo produciamo quasi tutto il nostro latte, ma c’è il forte sospetto che una buona quantità venga prodotta in nero e quindi esclusa dai conteggi ufficiali.
    E’ stato distrutto un settore che si è perso per 10 anni a parlare di quote ma non di latte. formaggi dop , prezzi e costi.
    In 10 anni di dietrologia non è stato trovato un cretino beccato con le mani nel sacco a vendere latte senza vacche, nonostante tutta qusta pressione.
    Io credo che sia ora di finirla tra 3 anni non ci saranno più le quote e noi siamo ancora fermi al 1996
    Speriamo solo che nel frattempo non compaiano le croci celtiche nei campi di grano , altrimenti si bloccheranno anche i cereali!!!!

Trackbacks

  1. Bufale di bufala | La Valle del Siele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: